UDC confermata primo partito

Nei Grigioni le elezioni federali, almeno per quest'anno, sono ormai giunte al termine. In primo luogo vogliamo ringraziare tutti i cittadini che, con il loro pellegrinaggio ai seggi, mantengono viva la nostra democrazia. La partecipazione al voto in Val Poschiavo è stata di circa il 41%. Costatiamo, con una certa preoccupazione, che la partecipazione è ulteriormente calata rispetto a quattro anni orsono. In modo particolare, ovviamente, ringraziamo coloro che nei nostri candidati hanno trovato il riflesso delle loro opinioni e dei loro progetti. L’UDC, sia nella nostra regione che nel Cantone e in Svizzera rimane il primo partito. A Poschiavo le preferenze all’UDC arrivano al 36%, nel Comune di Brusio addirittura al 52%. A livello cantonale, l’UDC raggiunge il 29.9% dei consensi, il 0.2% in più rispetto al 2015. Non possiamo che rallegrarci e sentirci onorati per questi risultati di prim’ordine. A livello nazionale, con rammarico prendiamo atto che l’UDC è in calo del 3.8% dei consensi e nel Consiglio nazionale avrà 12 rappresentanti in meno. Quattro anni fa l’UDC incassò 11 seggi in più, una correzione al ribasso era quindi probabile ed era pronosticata, seppur forse non in questa dimensione. Per il Consiglio degli Stati, bisognerà attendere i ballottaggi del 17 novembre prossimo per avere un quadro definitivo.

Ci congratuliamo con Magdalena Martullo-Blocher, per la brillante elezione e conferma (miglior risultato in assoluto). Conferma che arriva a prova del suo impegno profuso in questi ultimi quattro anni a favore di molti temi che stanno a cuore ai grigionesi. A tutti i nostri candidati, in particolare a Livio Zanolari e a Pietro Della Cà, vada un ringraziamento particolare per la passione e la competenza con cui si sono messi a disposizione. Un ringraziamento pure a Valérie Favre Accola che ha accettato la non facile sfida di correre per il Consiglio degli Stati.

Accogliamo con grande piacere l’eccellente risultato che ha raggiunto il nostro amico Marco Chiesa. Marco Chiesa rimane a pieno titolo in corsa per il Consiglio degli Stati in Ticino. Ci congratuliamo pure con Mauro Tuena, oriundo poschiavino, che è stato riconfermato deputato nel Canton Zurigo.

La nostra sezione non vuole dimenticare di ringraziare il Presidente cantonale, Heinz Brand, per il suo instancabile e ottimo lavoro in otto anni di Consiglio nazionale. La mancata nomina di Heinz ci rammarica molto ed è difficile giustificare che l’UDC cantonale, con il suo 29.9% di elettori e aumentando la sua quota di elettorato, debba rinunciare a un deputato così affermato e che comunque ha raggiunto un ragguardevole numero di voti, a favore di un partito che ha il 12.8% di preferenze in meno ed è in perdita di consensi.

Per ultimo prendiamo atto in senso positivo che il Grigioni italiano è ancora rappresentato a Berna con Anna Giacometti. La nomina è stata una piacevole sorpresa e le formuliamo i nostri migliori auguri.

 

La campagna elettorale che ci lasciamo alle spalle si potrebbe riassumere con una semplice frase: il riscaldamento globale ha sciolto la ragione. Non ne facciamo mistero, il tema ambientale e climatico attualmente sta monopolizzando il dibattito pubblico; e tutto a scapito di tematiche più concrete e direttamente influenzabili. Nell'ultimo anno, soprattutto da quando una bambina in età scolastica ha deciso di scioperare per il clima (qualunque cosa questo possa significare), il clima, in tutti i sensi, si è surriscaldato. Non scherziamo, la Terra è l'unico pianeta che al momento ci può ospitare, e deve quindi starci a cuore il suo futuro, ma non possiamo inseguire i discorsi dei messia dell'ultima ora, che nulla sanno di come funzioni il mondo al di fuori del proprio giardino, unicamente perchè sembrano parlare di un tema nuovo, che però nuovo non è. Non basta viaggiare per poter dire di conoscere il mondo. Il mondo oltre i nostri confini è infinitamente più complesso di quanto vogliamo ammettere. La Svizzera, nelle deliranti opinioni di alcuni, dovrebbe combattere il cambiamento climatico aumentando le tasse e facendoci così cambiare stile di vita. Aumentino pure le tasse (si fa per scherzare), ma la smettano di dire che questo tipo di ricette serva a qualcosa: perchè non serve a niente, se non a pulire la coscienza di alcuni. La continua discussione attorno a ricette demagogiche ci farà solo perdere tempo, impedendoci di affrontare tematiche direttamente influenzabili che, continuamente, bussano alla nostra porta e alle quali siamo obbligati ad aprire,

onde evitare che ce la sfondino senza il nostro consenso. Parliamo di clima, parliamo di ambiente, ma se lo facciamo, facciamolo con la competenza che il tema merita. La politica è una famiglia con molti figli e non può, solo perchè il figlio maggiore ha la febbre, dimenticarsi del raffreddore degli altri. Non si tratta di non voler dare il buon esempio o fare il primo passo. Da qualche parte, diranno alcuni, bisogna pur cominciare. Si tratta invece di affrontare i temi nelle giuste sedi, con onestà intellettuale, memoria e competenza.

L'UDC Valposchiavo continuerà a schierarsi e ad affrontare tematiche concrete, studiando e proponendo soluzioni applicabili, cercando sempre di non dimenticare nessuno dei figli.

In prossimità delle elezioni comunali a Brusio, raccomandiamo agli elettori un ampio sostegno ai nostri candidati che formano una valida squadra. Contiamo sul vostro sostegno e in anticipo vi ringraziamo.